Dalla Tarsu alla Tari. Il caos sulle decorrenze di tributi diversi


La recente ordinanza della Cassazione, n. 15044 del 16 giugno 2017 sulla Tarsu, offre lo spunto per indagare sulle similitudini e le divergenze che caratterizzano la nuova TARI rispetto alla vecchia tassa. Una riflessione necessaria vista la confusione generata dai comuni in fase di applicazione della più giovane tassa, troppo spesso declinata specularmente alla Tarsu, giunta ormai al capolinea del quinquennale recupero retroattivo.  La Tarsu ha trovato applicazione fino al 31.12.2012 per lasciare spazio nel 2013 alla Tares e, dal 2014, alla TARI prevista dalla Legge 147/2013. Il decreto legislativo Tarsu 507/93 costruì una disciplina garantista sul fronte dell’obbligazione tributaria, bilanciando il presupposto di occupazione o detenzione con le deroghe puntualmente indicate nell’articolo 62   Non sono soggetti alla  tassa  i  locali  e  le  aree  che non possono produrre rifiuti  o  per  la  loro  natura  o  per il particolare uso cui sono  stabilmente destinati  o  perchè  risultino  in  obiettive  condizioni di non  utilizzabilità nel  corso  dell’anno, qualora tali circostanze siano indicate  nella denuncia  originaria  o  di variazione e debitamente riscontrate in base  ad elementi obiettivi direttamente rilevabili o ad idonea documentazione. Come confermato dall’ennesima pronuncia di Cassazione sul punto, le deroghe del comma 2, sollevate spesso da contribuenti in caso […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA