I.C.I. – immobile sequestrato o confiscato – interviene il Codice Antimafia


La Corte di Cassazione nella sentenza sez.trib del 30 ottobre 2015 n.22216 ha svolto la propria funzione nomofilattica in relazione al criterio di delimitazione della soggettività passiva d’imposta in materia di I.C.I., cogliendo l’occasione per precisare le differenze sulla natura degli istituti di sequestro penale e di confisca di cui all’art. 2 ter, L. 575/1965, anche alla luce della recente entrata in vigore del nuovo Codice in materia di antimafia. La riflessione degli Ermellini prende spunto dalla tesi – considerata errata – della contribuente, la quale sostiene che la soggettività passiva d’imposta sia legata alla disponibilità del bene. Invero, già precedente giurisprudenza della stessa Corte aveva fatto luce sulla questione, indicando l’esatta interpretazione del combinato disposto degli artt. 1, 2° comma e 3 del D.Lgs. 504/1992. La sentenza in esame, senza soluzione di continuità con il precedente orientamento, ribadisce che “la nozione di possesso di fabbricati, aree fabbricabili e di terreni agricoli, di cui al D.Lgs. n. 504/1992, art. 1, comma 2, va riferita propriamente a quella corrispondente alla titolarità del diritto di proprietà o di diritto reale minore sull’immobile (D.Lgs. 504/1992, art.3)”. In forza di detta interpretazione, la Suprema Corte ritiene corretta la statuizione della CTR Puglia nella parte […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA