I requisiti per le agevolazioni IMU ai titolari di pensioni agricole


Le agevolazioni IMU per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali, titolari di trattamento pensionistico, spettano in presenza dei requisiti previsti nell’art. 13, comma 2, del D.L. n.201/2011. La Direzione Legislazione Tributaria e Federalismo Fiscale  del MEF, con la Risoluzione n. 1/DF del 28 febbraio 2018, ha fornito chiarimenti sull’applicazione delle suddetta normativa, in risposta ai quesiti pervenuti sull’argomento. Per il riconoscimento dei benefici necessita che sussistano contemporaneamente tutti i requisiti, sia soggettivi che oggettivi: il possesso del fondo; l’utilizzazione diretta del fondo per le attività agricole-pastorali; la qualifica di coltivatore diretto o di imprenditore agricolo professionale di cui all’art. 1 del D.lgs. n.99 del 2004; l’iscrizione nella previdenza agricola. La qualifica di COLTIVATORE DIRETTO è legata alla coltivazione diretta svolta con il lavoro proprio o di persone della famiglia, in modo che la forza lavorativa non sia inferiore ad un terzo di quella complessiva richiesta per la coltivazione del fondo. La figura di IMPRENDITORE PROFESSIONALE AGRICOLO viene individuata in colui che si dedica alle attività agricole direttamente o in qualità di socio di società agricola per almeno il cinquanta per cento del proprio tempo di lavoro e ne ricavi almeno il cinquanta per cento del reddito globale di […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA