Il blocco per il 2016 vale anche per l’istituzione di nuovi tributi locali


La Sezione Regionale di controllo per il Lazio della Corte dei Conti, con la deliberazione n.88/2016/PAR, è intervenuta ad esprimere parere in merito alla richiesta formulata dal Comune di Bolsena circa la possibilità di procedere alla prima applicazione dell’imposta di soggiorno nonostante il blocco degli aumenti dei tributi locali previsto dall’art. 1, comma 26, della Legge di stabilità 2016. La Corte ha rilevato in primo luogo la possibilità per l’Organismo di esaminare in sede consultiva non soltanto le questioni tradizionalmente riconducibili al concetto di contabilità pubblica (inteso quale sistema di principi e di norme che regolano l’attività finanziaria dello Stato e degli enti pubblici) ma “anche quelle materie che risultano connesse alle modalità di utilizzo   delle risorse pubbliche nel quadro del contenimento della spesa sancito dal principio di coordinamento della finanza pubblica e, quindi, di potersi pronunciare sulla questione sollevata”. Ha poi svolto una disamina delle disposizioni tributarie da cui origina l’imposta di soggiorno, istituita dapprima per il solo Comune di Roma con l’art. 14, comma 16, lettera e) delD.L. n.78/2010, in seguito ritenuta estensibile, per effetto dell’art. 4, comma 1, del decr.legisl. n- 23/2011, ai comuni capoluogo di provincia, alle unioni di comuni, nonché ai comuni inclusi negli elenchi […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CONVEGNO

IL BES NEL DEF

20 giugno 2017


Per informazioni »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA