Il canone per gli spazi nei pubblici mercati tra la competenza del giudice ordinario e quello amministrativo


Il TAR Lazio, Sez. II ter, con la sentenza n. 1301 del 29 gennaio 2016, è intervenuto a decidere sul ricorso presentato da commercianti concessionari di posti assegnati nei pubblici mercati di Roma o con posti fissi fuori dei mercati, per impugnare le modifiche apportate alle tariffe ed ai coefficienti moltiplicatori dalla delibera dell’Assemblea Capitolina n. 39/2014. Sul tema, il Collegio ha richiamato il contenuto dell’art. 27 del Codice della Strada (D.Lgs. n.285 del 1992) che prevede il pagamento di un corrispettivo a favore dell’Ente proprietario della strada per l’uso particolare del suolo pubblico, nonché l’art. 63 del D.Lgs. n.446/1997 che attribuisce al Comune il potere di sottoporre al pagamento di un canone (COSAP) le occupazioni di aree, strade e spazi appartenenti al proprio demanio. Sulla natura del canone, ha richiamato la sentenza della Corte Costituzionale n. 64/2008 la quale ha affermato che il COSAP non debba essere considerato un tributo ma il corrispettivo per l’uso del bene pubblico, dovuto a fronte della concessione amministrativa assentita dal Comune, la cui cognizione va attribuita quindi al giudice amministrativo, salvo che trattisi di vertenze meramente patrimoniali, in relazione alle quali il Comune non eserciti il potere amministrativo, nel qual caso la giurisdizione […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA