Il Comune paga l’IVA sul canone riscosso per la concessione del servizio di distribuzione del gas


In presenza di un AVVISO DI ACCERTAMENTO avente ad oggetto l’IVA richiesta al Comune sul canone annuo versato dal concessionario del servizio di distribuzione del gas, l’Ente ha impugnato la decisione della CTR che aveva dichiarato il Comune stesso soggetto passivo del tributo, non ritenendo che la fattispecie fosse inquadrabile tra le operazioni fuori dal campo IVA  svolte dall’amministrazione nell’esercizio del potere autoritativo di natura pubblica. La Cassazione, con la sentenza della Sez. V Civ. n.14283/2016, pubblicata il 13 luglio 2016, ha affermato che la società concessionaria della distribuzione del gas opera non già  come LONGA MANUS del Comune, ma in forza di rapporti contrattuali in virtù dei quali essa versa all’Ente un canone corrispettivo ed incassa dagli utenti i corrispettivi per la fruizione del servizio. La fattispecie in questione, ad avviso della SUPREMA CORTE, deve ritenersi basata su tre distinti rapporti: quello tributario tra Fisco e Comune concedente, che lo rende soggetto passivo di imposta sui canoni riscossi (art. 17 D.P.R. n.633/1972), quello privatistico tra Comune concedente e concessionario, che rende quest’ultimo tenuto all’imposta in via di rivalsa (art. 18  decreto IVA) e quello risultante tra Fisco e concessionario, che lo abilita alla detrazione d’imposta  (art. 19 decreto IVA). […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CONVEGNO

IL BES NEL DEF

20 giugno 2017


Per informazioni »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA