Il Consiglio dei Ministri del 28 febbraio 2014 ha approvato un Decreto Legge in materia di finanza locale ed un Disegno di Legge per la funzionalità degli enti locali


A)  Il decreto legge contiene le seguenti disposizioni urgenti in materia di finanza locale. TASI Viene stabilito che per ciascuna categoria di immobili i Comuni possano aumentare l’aliquota fino ad un massimo dello 0,8 per mille complessive, a condizione che l’incremento sia destinato a finanziare detrazioni o altre misure relative all’abitazione principale in modo che gli effetti siano equivalenti a quelli dell’IMU prima casa. Viene lasciata ai Comuni la possibilità di stabilire le scadenze per il pagamento della TASI e della TARI, prevedendo almeno due versamenti semestrali o, in alternativa, il versamento in unica soluzione entro il 16 giugno. Per compensare il mancato gettito dovuto alla differenza tra l’aliquota TASI prima casa (2,5 per mille) rispetto all’aliquota IMU (4 per mille) il contributo dello Stato  viene fissato per il 2014 in 625 milioni di Euro. Sono esentati dalla TASI i 25 fabbricati della Chiesa ubicati in Roma indicati nei PATTI LATERANENSI. I terreni agricoli sono esentati dal pagamento della TASI. ENTI LOCALI Vengono adottati per gli enti locali in difficoltà alcuni provvedimenti per sanare le situazioni più gravi e sospese le procedure esecutive nei confronti dei Comuni in predissesto. Vengono previste disposizioni per la contrazione dei mutui e per le […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CONVEGNO

IL BES NEL DEF

20 giugno 2017


Per informazioni »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA