Irretroattiva la rendita catastale ai fini ICI, efficace solo dalla data della notificazione


La Cassazione, con l’ordinanza n. 28921/2017, ha accolto il ricorso del Comune di Marnate, rinviando alla CTR della Lombardia la sentenza impugnata perché venga riesaminata nel merito alla luce dei principi espressi dalla stessa Corte. Oggetto della controversia la decisione della CTR con la quale è stato rigettato l’appello avverso la CTP che aveva annullato l’AVVISO DI ACCERTAMENTO ICI per gli anni 2009/2011. Primo motivo dedotto dal Comune, l’efficacia della rendita catastale notificata in data 19/12/2009, che la CTR aveva ritenuto applicabile solo con decorrenza dall’anno successivo e non anche per le annualità pregresse ancora suscettibili di accertamento. Sulla questione, la Suprema Corte ha ritenuto di uniformarsi alla consolidata giurisprudenza secondo cui “in tema di imposta comunale sugli immobili (ICI), l’art. 74, comma 1, della legge 21 novembre 2000, n. 342, nel prevedere che, a decorrere dal primo gennaio 2000, gli atti comunque attributivi delle rendite catastali per terreni e fabbricati sono efficaci solo a decorrere dalla loro notificazione, va interpretata nel senso dell’impossibilità giuridica di utilizzare una rendita prima della sua notifica al fine di individuare la base imponibile dell’ICI, ma non esclude affatto l’utilizzabilità della rendita medesima, una volta notificata, a fini impositivi anche per annualità di imposta […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CONVEGNO

IL BES NEL DEF

20 giugno 2017


Per informazioni »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA