La maggiorazione del cinquanta per cento dell’imposta di pubblicità nel giudizio della Corte Costituzionale


L’imposta comunale sulla pubblicità (ICP) disciplinata unitamente alle Pubbliche Affissioni dal D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507, è stata  oggetto di notevole contenzioso, dinanzi a tutte le giurisdizioni, sia tributarie che amministrative, specie a causa dei molteplici interventi legislativi di modifica del quadro normativo di base, e ciò pur trattandosi di un tributo locale (sia pure irrinunciabile)  di modesto valore economico per la quasi totalità dei Comuni, ad eccezione dei capoluoghi o di quelli con particolari presenze  di forme di pubblicità esterna. Di recente, oggetto di controversia è stata l’applicazione della  norma che ha introdotto la facoltà per i Comuni di deliberare una maggiorazione delle tariffe dell’imposta fino al cinquanta per cento (art. 11, c. 10, della Legge n. 449/1007), facoltà sospesa per gli anni dal 2009 al 2011 dall’art. 77 bis del D.L. n.112/2008, abrogato dalla Legge n.44/2012, oggetto anche di una norma interpretativa contenuta nella Legge di  stabilità 2016 (art. 1, comma 739, della Legge n. 208/2015). La CTP di Pescara, in relazione ad un AVVISO DI ACCERTAMENTO ICP per il 2015 emesso dal Comune di Montesilvano, ha sollevato la questione di legittimità costituzionale del suddetto articolo della Legge n. 208/2015 che avrebbe creato due diversi regimi giuridici, […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CONVEGNO

IL BES NEL DEF

20 giugno 2017


Per informazioni »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA