La mancata contestazione immediata va motivata nel verbale per violazioni stradali


Il Tribunale di Chieti, confermando la sentenza del Giudice di Pace, aveva accolto l’opposizione al verbale di contestazione per violazione dell’art. 142 del Codice della Strada ponendo a base della decisione il difetto di taratura dell’autovelox, la mancanza nel verbale di alcun riferimento alle circostanze impeditive della contestazione immediata, nonché l’assenza di una segnaletica idonea al preavviso di rilevazione della velocità. Nel ricorso per Cassazione il Comune ha sostenuto la non necessità della contestazione immediata quando, come nel caso in esame, il veicolo oggetto del rilievo sia a distanza dal posto di accertamento ed inoltre che l’autovelox – direttamente gestito dalla polizia municipale locale – fosse stato sottoposto a taratura e revisione periodica. La Suprema Corte, con l’Ordinanza n. 27771/2017 della SEZ. VI CIVILE, in data 22 novembre 2017, ha ritenuto che, essendo il tratto di strada controllato un rettilineo (come evidenziato dal Tribunale) nulla impediva agli organi di polizia stradale di posizionarsi in modo tale che, visionata con i propri strumenti la velocità delle autovetture in transito, potessero fermare il veicolo di cui si era rilevato l’eccesso di velocità, per gli adempimenti inerenti alla contestazione.; pertanto, il verbale di contestazione non poteva limitarsi a rilevare che l’accertamento di che […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CONVEGNO

IL BES NEL DEF

20 giugno 2017


Per informazioni »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA