La TIA 2 è un corrispettivo e comporta l’applicazione dell’iva secondo la Cassazione


Consolidatosi nella nostra giurisprudenza il principio della natura tributaria della tariffa d’igiene ambientale (TIA1), la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16332/2018, torna ad occuparsi della medesima questione con riferimento alla tariffa integrata ambientale (TIA2). E giunge alla conclusione opposta: la TIA 2, a differenza della TIA 1, è un corrispettivo e non una tassa. Tre gli elementi ritenuti decisivi dai giudici della Suprema Corte, tutti fondati su un’attenta analisi del dato normativo: La diversa formulazione del presupposto normativo: mentre l’obbligo del pagamento della TIA 1 poggiava sulla mera occupazione di locali o aree (art. 49, co. 3, d.lgs. 22/1997), l’obbligo del pagamento della TIA 2 scatta solo in caso di occupazione di locali o aree “che producono rifiuti urbani” (art. 238, co. 1, primo periodo, d.lgs. 152/2006). Il collegamento tra prelievo e servizio, sottinteso e/o implicito nella formulazione testuale della TIA 1, diventa esplicito elemento costitutivo della TIA 2. L’espressa previsione di legge in base alla quale la TIA 2 “costituisce il corrispettivo per lo svolgimento del servizio” (art. 238, co. 1, secondo periodo), blindata dallo stesso legislatore con una norma di interpretazione autentica (art. 14, co. 33, decreto legge n. 78/2010) con cui si toglie ogni eventuale […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA