L’Avviso di liquidazione tarsu è atto facoltativo non impugnabile nei termini di legge


La società AMA (Azienda Municipale Ambiente spa) che gestisce il Servizio Rifiuti notificava alla Soc. Gestione Tubi un AVVISO DI LIQUIDAZIONE della Tarsu, con relativa fattura comprensiva della tariffa, maggiorata del trenta per cento per sanzioni, oltre interessi da quantificare, ed il concessionario della riscossione (Gerit) notificava la CARTELLA DI PAGAMENTO. I due Atti venivano impugnati separatamente dinanzi alla CTP che riuniva i ricorsi e li accoglieva. La CTR LAZIO accoglieva parzialmente l’appello di AMA assumendo che nella specie doveva essere applicato il trenta per cento della parte variabile della tariffa in proporzione  alla quantità dei rifiuti avviati direttamente al recupero e documentati dal contribuente. Nel ricorso per Cassazione avverso la sentenza CTR l’AMA ha eccepito in primo luogo che il ricorso del contribuente avverso la CARTELLA DI PAGAMENTO avrebbe dovuto  dichiararsi inammissibile perché tardivo ai sensi dell’art. 21 del decr. legisl. n. 546/1992 poiché diretto a contestare la pretesa tributaria e non vizi formali della cartella stessa, che era stata preceduta dalla notifica della FATTURA/AVVISO DI LIQUIDAZIONE contenente l’indicazione puntuale e completa dei presupposti per la imposizione e delle somme da pagare. Su tale motivo di ricorso, la Cassazione, Sez. V Civile, con la sentenza n.26637/2017 del 10 novembre […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CONVEGNO

IL BES NEL DEF

20 giugno 2017


Per informazioni »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA