Legittima la tariffa per i rifiuti alberghieri diversa da quella per le abitazioni private


La CTR Sicilia aveva rigettato l’appello del Comune di Palermo di conferma della CTP, relativa ad un AVVISO DI ACCERTAMENTO TARSU che aveva dichiarato illegittima la delibera comunale che aveva inserito, senza specifica motivazione, gli alberghi in una categoria tariffaria diversa da quella delle abitazioni ed in misura notevolmente superiore. Il Comune ha proposto ricorso per Cassazione, sostenendo che le tariffe adottate per gli alberghi e per le società sono state determinate tenendo conto della non omogeneità dei rifiuti e dei costi del servizio. La Suprema Corte, con l’Ordinanza n.1978/2018, pubblicata il 26 gennaio 2018, ha accolto il ricorso, ritenendo di uniformarsi al principio affermato nella consolidata giurisprudenza di legittimità, secondo cui, in tema di tarsu è legittima la delibera comunale di approvazione del regolamento e delle relative tariffe, in cui la categoria degli esercizi alberghieri venga distinta da quella delle civili abitazioni, ed assoggettata ad una tariffa notevolmente superiore a quella applicabile a queste ultime, in quanto la maggiore capacità produttiva di un esercizio alberghiero rispetto ad una civile abitazione costituisce un dato di comune esperienza, emergente da un esame comparato dei regolamenti comunali in materia, ed assunto quale criterio di classificazione e valutazione quantitativo della tariffa anche dal […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA