L’imposta regionale sulla benzina incombe sul concessionario dell’impianto di erogazione


La Regione Campania ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza con la quale la CTR ha ritenuto illegittimo l’avviso di accertamento per mancato versamento dell’imposta regionale sulla benzina per autotrazione (IRBA), notificato al curatore fallimentare del soggetto concessionario dell’impianto di distribuzione, a sua volta  affidato in comodato ad altro gestore. La Suprema Corte, con la sentenza n. 9854/2017, Sez. V, ha ritenuto che a seguito dell’entrata in vigore della Legge n. 549/1995, a decorrere dal primo gennaio 1996, l’IRBA è versata direttamente alla Regione dal concessionario dell’impianto o, per sua delega, della società petrolifera che sia unica fornitrice del suddetto impianto. L’evoluzione normativa ha portato , quindi, ad individuare il soggetto passivo del rapporto tributario non più nel soggetto erogatore (come in precedenza stabilito, che considerava soggetto passivo  il gestore anche non concessionario dell’impianto stesso )  bensì nel “concessionario “. La Corte ha anche rilevato come la disciplina regionale  della Campania si sia adeguata alla detta evoluzione ed ha sostenuto, infine  che,  la sola circostanza della stipulazione tra il concessionario ed un terzo di i un comodato di affidamento in gestione ovvero di una cessione gratuita dell’uso dell’impianto di distribuzione di carburante, non è di per sé in grado […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CONVEGNO

IL BES NEL DEF

20 giugno 2017


Per informazioni »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA