Non valida la notifica del ricorso a mezzo del servizio postale privato


La CTR CAMPANIA aveva confermato la decisione CTP di Napoli di inammissibilità del ricorso proposto dal contribuente avverso un ACCERTAMENTO ICI anno 2007 relativo ad un immobile sito nel Comune di Ischia in quanto il ricorso di primo grado era stato notificato tramite un servizio postale privato. La Corte di Cassazione, Sez. VI Civile, con l’Ordinanza n.8089/2018, pubblicata il 3 aprile 2018, sul ricorso prodotto dal contribuente ha ritenuto che correttamente la CTR ha applicato la disciplina recata in materia di notifica a mezzo posta, ribadendo i principi della stessa Corte secondo cui l’art.4, primo comma, lettera a) del D.lgs. n.261/1999, che ha liberalizzato i servizi postali, stabilisce che per esigenze di ordine pubblico sono affidati in via esclusiva alle POSTE ITALIANE spa i servizi connessi alla notificazione di atti giudiziari di cui alla Legge n. 890/1982. Di conseguenza è da ritenere inesistente la notifica del ricorso effettuata tramite il servizio postale privato. Il Supremo Collegio, con la sentenza citata, ha anche affermato che l’abrogazione dell’art, 4 del D.lgs. n.261/1999, disposta con l’art. 1, comma 57, della Legge n. 124/2017, con effetto dal 10 settembre 2017, non riveste carattere interpretativo (con la soppressione dell’esclusiva delle Poste Italiane quale fornitore del servizi […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA