Per i porti turistici privati la classe catastale D/8


La Cassazione –  Sez. V Civ. – con la sentenza n. 7868, pubblicata il 20/4/2016, si è pronunciata sul ricorso posto in essere da una società concessionaria di una porzione di demanio marittimo nella quale ha realizzato un porto turistico con 648 posti barca, chiedendo con la procedura DOCFA l’accatastamento nella categoria E/9; l’Agenzia del Territorio ha proceduto a rettifica attribuendo all’immobile la categoria D/9, con conseguente ricorso alla CTP ed appello alla CTR che aveva determinato il classamento della categoria D/8, confermando la rendita determinata dall’Agenzia del Territorio. La Suprema Corte ha ritenuto sufficiente ed adeguata sul piano logico giuridico l’accertamento dell’AT che ha giudicato come la disponibilità dei 9/10 dei posti a natanti privati e la residua parte a natanti della P.A. od in transito non fosse sufficiente a far venire meno la qualificazione commerciale dell’approdo quale porto turistico privato. Ciò anche perché,  nella valutazione delle  caratteristiche oggettive dell’immobile, essa deve intendersi adattata alle speciali esigenze di una attività commerciale. Riguardo alla pretesa che gli specchi acquei relativi ai porti turistici ed i posti barca, per effetto dell’articolo 812 del cod,civ. non siano classificabili come beni immobili e, quindi, non censibili catastalmente, la Corte ha affermato che la […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA