Per le violazioni stradali la copia del verbale prodotta con sistema meccanizzato fa fede fino a querela di falso


Il Tribunale di Messina ha confermato la decisione del Giudice di Pace di rigetto della opposizione al verbale con cui era stata contestata la violazione dell’art. 7, comma 1, lettere f) e 15) del Codice della Strada (decr. legisl. n. 285/1992) per avere parcheggiato la vettura in area a pagamento senza la esposizione del biglietto di sosta. Nel ricorso per Cassazione l’utente con il primo motivo ha denunciato la nullità del verbale per la mancanza di attestazione di conformità all’originale della copia notificata, ma la doglianza è stata ritenuta non fondata dalla Corte, con l’ORDINANZA SEZ. VI CIVILE N. 24779/2017, PUBBLICATA IL 19 OTTOBRE 2017, in quanto il verbale è stato redatto con sistema meccanizzato e, quindi, in aderenza a quanto stabilito dall’art. 295 del Regolamento di attuazione del Codice della Strada (DPR n.495/1992) esso viene notificato con il modulo “prestampato” recante l’intestazione dell’Ufficio o Comando e, di conseguenza, è parificato per legge all’originale e le sue risultanze possono essere contestate solo mediante la proposizione della querela di falso. Con il secondo motivo è stato evidenziato dalla parte ricorrente che nella specie risultava assente la segnaletica orizzontale di colore azzurro prevista per gli stalli a pagamento e che la presenza […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CONVEGNO

IL BES NEL DEF

20 giugno 2017


Per informazioni »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA