Ravvedimento operoso: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 23 del 9 giugno 2015


La Direzione Centrale Normativa dell’Agenzia delle Entrate, con la Circolare n. 23/E del 9 giugno2015, prende in esame le novità apportate dalla Legge di Stabilità 2015 (L. n.190/2014) alla disciplina del Ravvedimento Operoso, con un radicale cambiamento dell’assetto originario dell’istituto. Sono state introdotte ulteriori misure di riduzione della sanzione; viene chiarito che la previsione introdotta con la nuova lettera a-bis (contenente alcuni prolungamenti dei termini) trova applicazione anche con riferimento a tributi diversi da quelli amministrati dall’Agenzia delle Entrate, quali i tributi locali e regionali. Per questi ultimi viene confermata la validità delle modalità di regolarizzazione tramite il c.d. “ravvedimento lungo” per le violazioni concernenti IMU e TASI, aggiungendo però la nuova ipotesi di regolarizzazione “intermedia”. Testo della Circolare

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA