Riscossione dal 1° luglio 2017: quali atti adottare


La dead line della riscossione pubblica è sempre più vicina. Dal 1 luglio 2017 Equitalia vestirà i panni di un nuovo ente pubblico economico, denominato Agenzia delle Entrate – Riscossione. Non è direttamente l’Agenzia del fisco, ma il suo ente strumentale che raccoglie tutta l’eredità dell’Agente della Riscossione nato il 1 Ottobre 2006. La versione del dl 193/2016 è drastica: le società del gruppo Equitalia sono sciolte dal 1 luglio 2017 e cancellate dal registro imprese senza alcuna procedura di liquidazione. Come indica espressamente la norma, l’ente subentra nei rapporti giuridici attivi e passivi, anche processuali, delle società del Gruppo Equitalia e questo significa che, per i carichi pregressi non è necessario adottare apposito atto confermativo delle attività affidate. Va aggiunto che, proprio la versione iniziale del decreto prevedeva un intervento specifico dell’ente in tal senso, ma in seguito è stata modificata con la soppressione di questa parte a favore di una norma che prevede un automatismo nel garantire la gestione continuativa dei carichi pendenti. In merito al raggio di azione della nuova Agenzia, il comma 1 dell’articolo 1 disciplina la possibilità per la stessa di effettuare la riscossione locale, superando così quelle indicazioni normative contenute nel DL 70/2011 art. […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA