Agevolazioni tarsu per le aree produttive di rifiuti speciali solo  in presenza di apposita  dichiarazione


La disposizione dell’art. 62, comma 3, del decr. legisl. n. 507/1993, che prevede agevolazioni della TARSU per le aree produttive di rifiuti speciali, trova applicazione solo a seguito di preventiva denuncia al Comune da parte del contribuente, cui spetta l’onere di fornire i dati per la delimitazione delle aree da sottrarre alla determinazione della superficie imponibile complessiva in quanto destinate a produrre rifiuti speciali. La Corte di Cassazione ha emesso in tal senso l’Ordinanza n. 20018 del 27 luglio 2018 sul ricorso proposto dal contribuente avverso la decisione  CTR Abruzzo di conferma CTP riguardante un AVISO DI ACCERTAMENTO TARSU 2012 del Comune di Ortona. Il Supremo Collegio ha ritenuto correttamente motivata la decisione del giudice tributario basata sulla documentazione acquisita a seguito di rilevazione diretta mediante sopralluogo  cui ha partecipato lo stesso contribuente, ed ha riaffermato il principio espresso dalla stessa Cassazione in varie pronunce, secondo cui, appunto, la disciplina agevolativa non opera automaticamente e l’inosservanza dell’obbligo di informazione da parte del contribuente, comporta l’assoggettamento al tributo dell’area in questione senza il riconoscimento di alcuna agevolazione. Per questi motivi, il ricorso è stato rigettato.  LINK – CORTE DI CASSAZIONE – ORDINANZA N. 20018 DEL 27 LUGLIO 2018

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA