Ampliata l’applicazione della confisca per equivalente nei confronti di un socio per reati fiscali commessi in proprio


                      Corte-cassazione-sentenza n.33371[1]   Misure cautelari – Misure cautelari reali – Amministratore indagato per reati fiscali – Confisca sui beni della società – Non sussiste   La Cassazione, con le sentenze n. 33371 e 33354 depositate il 29 agosto2012, ha stabilito che la confisca per equivalente, nell’ambito della repressione di reati tributari, ha una più vasta applicazione nei confronti del socio che della società. Con la prima sentenza, la Cassazione ha esteso l’applicazione della confisca per equivalente al socio di una società coinvolta in una frode con l’erario ampliandone gli effetti anche ai beni acquistati prima di commettere il reato.Con il secondo pronunciamento i giudici hanno negato l’applicabilità del sequestro per equivalente alla società se ad essere perseguiti sono solamente i soci (sempre che la società non sia il mezzo per commettere il reato). In realtà, molto più ampia è la portata dei due pronunciamenti, che intervengono su un tema di estrema rilevanza e delicatezza per l’efficace repressione delle frodi fiscali. Si segue quindi  il principio che per evitare gli illeciti occorre incidere sul piano economico chi li persegue e  l’articolo 322-ter del Codice penale ha previsto la possibilità della confisca […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA