E’ il fisco a provare la frode carosello


            CORTE DI CASSAZIONE. Sentenza n.6229 del 13.03.2013 Tributi erariali indiretti (riforma tributaria del 1972) – Imposta sul valore aggiunto (i.v.a.) – Accertamento e riscossione – In genere – Detrazione dell’imposta – Diniego – Operazioni soggettivamente inesistenti – Diretta acquisizione della prestazione da parte di soggetto diverso da chi ha emesso fattura e percepito l’IVA in rivalsa – Assenza di buona fede del contribuente – Accertamento attraverso idonei elementi sintomatici – Conseguenze in tema di onere probatorio circa la invocata detrazione di imposta.  La Sezione Tributaria della Cassazione, con la sentenza 13 marzo 2013, n.6229, ha enunciato interessanti principi in materia di fatture per operazioni inesistenti, ritenendoli coerenti con le recenti decisioni della Corte di Giustizia dell’Unione Europea.  La Cassazione ha stabilito che solo in presenza di frodi carosello l’onere probatorio resta a carico dell’amministrazione (v. Cass. n. 1571/2012), la quale deve dimostrare, anche in via presuntiva, la fittizietà delle operazioni. In caso, invece, di documenti oggettivamente inesistenti il contribuente deve provare la propria buona fede. In buona sostanza le c.d. fatture per operazioni “oggettivamente” inesistenti (espressione cartolare, cioè, di operazioni commerciali mai poste in essere da alcuno), gli Ermellini hanno affermato che la giurisprudenza di […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA