Il Comune deve risarcire i danni causati da un cantiere che esegue in appalto lavori stradali


Un cittadino ha avanzato richiesta dinanzi al Tribunale di Perugia per ottenere dal Comune di Gualdo Tadino il risarcimento dei danni riportati mentre circolava a bordo di un ciclomotore, a seguito dell’impatto contro una rete di plastica posta a recinzione di un cantiere di lavori stradali commissionati dal Comune. Il Comune, negando di essere “custode” dell’area destinata a cantiere, ha chiamato in causa l’Assicurazione garante per la r.c., la quale a sua volta ha citato la ditta appaltatrice dei lavori. Il Tribunale ha rigettato la domanda e la Corte di Appello ha confermato la decisione di primo grado. Nel ricorso per Cassazione, il danneggiato ha sostenuto che erroneamente la Corte di Appello ha escluso la presunzione di colpa del Comune ex art. 2051 cod.civ., quale custode dell’area,  solo per la esistenza di un contratto di appalto, mentre in ogni caso l’Ente,  in quanto proprietario della strada, avrebbe dovuto rispondere dei danni in questione. La Corte di Cassazione, con l’Ordinanza n. 18325/2018, ha accolto i motivi del ricorso rilevando, a conferma di pronunce dello stesso Organo,  che la qualità di “custode” è fattuale e non giuridica, e coincide con la possibilità di esercitare sulla cosa fonte di danno un potere di […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA