Il Comune risponde per mancata vigilanza dei danni causati dalla caduta di un cartellone pubblicitario


La Corte di Cassazione – Sezione III Civile – con l’Ordinanza n. 16295 del 18 giugno 2019 – ha accolto il ricorso proposto avverso la sentenza della Corte di Appello di Roma che, riformando parzialmente la pronuncia del Tribunale, aveva confermato l’esclusione di responsabilità di ROMA CAPITALE per i danni causati dalla caduta sulla strada  di un CARTELLONE PUBBLICITARIO  ad una cittadina che procedeva alla guida di un motoveicolo. Le censure alla sentenza impugnata muovono  sostanzialmente sulla responsabilità del Comune ex art. 2051 Cod. Civ. in elazione alla omessa vigilanza dell’impianto pubblicitario che, se anche affidato alla gestione della società, rimaneva comunque nella custodia dell’Ente in virtù  dell’art. 14 del Codice della Strada, in ragione anche dello specifico dovere derivante dall’art. 28 del Regolamento comunale delle affissioni e pubblicità adottato dal Comune di Roma con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 289/1994. La Suprema Corte ha avuto modo di affermare che la sentenza dei giudici di appello è fondata su una interpretazione della norma del codice civile non coordinata con le disposizioni di rango secondario : infatti, l’art. 14 del Codice della strada prevede genericamente per il Comune l’obbligo di manutenzione degli impianti  ai fini della fluidità della circolazione, mentre […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA