La casa di cura di un ente religioso che svolge attività sanitaria in regime di convenzione paga l’ici


Nel ricorso per Cassazione avverso la sentenza della CTR Toscana che aveva riconosciuto la esenzione dall’ici  ex art- 7, lettera b) del decr. legisl. n.504/1992,  per l’immobile nel quale un Istituto religioso svolgeva attività sanitaria in regime di convenzione, il COMUNE DI AREZZO ha sostenuto che tale attività, in quanto diretta  alla produzione di beni e servizi, dovrebbe essere inquadrata nell’ambito  di quelle che rivestono carattere commerciale. Ad avviso del Comune la sentenza, senza svolgere alcuna verifica, si sarebbe limitata in maniera superficiale a rilevare i caratteri di solidarietà sociale dell’attività svolta dall’istituto senza valutare se nel suo insieme questa avesse o meno natura commerciale. Né sarebbe stata data una coretta interpretazione della circolare ministeriale n. 2/DF del 26/1/2009 per la quale deve esistere un carattere di esclusività e non di prevalenza della prestazione svolta in regime di convenzione escludendo che tale orientamento si ponga in contrasto con la successiva pronuncia n. 14530 del 2010. La Corte di Cassazione, con la sentenza n.10124 – Sez. V Civile – del 2019, ha ritenuto in primo luogo che in tema di ici deve essere escluso dall’esenzione un fabbricato nel quale un ente religioso che svolga un’attività a dimensione imprendiitoriale  anche se non […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA