La compensazione delle spese nelle liti tributarie solo per gravi ed eccezionali ragioni


In esito al ricorso proposto contro la sentenza della CTR Calabria del dicembre 2017 che, accogliendo l’appello del contribuente,  annullava la cartella emessa dall’AGENZIA ENTRATE RISCOSSIONE per l’anno di imposta 2010 e statuiva la compensazione delle spese di lite, la Corte di Cassazione – Sez. VI Civile – con l’Ordinanza n. 16664/2019,  ha avuto modo di affermare che nella specie deve trovare applicazione RATIONE TEMPORIS l’art. 15, comma 2, del decr. legisl. n. 546/1992, nel testo modificato dall’art. 9, comma 1, lettera  f) n. 2, del decr. legisl. n. 156/2015, non essendovi soccombenza reciproca, e la CTR avrebbe dovuto, al fine di esercitare legittimamente la facoltà di compensazione delle spese di lite, valutare la ricorrenza, nel caso in esame, di gravi ed eccezionali ragioni, espressamente motivate. Dal momento che il giudice di appello si è limitato ad affermare semplicemente che non doveva essere adottata alcuna statuizione in ordine alle spese di entrambi i gradi di giudizio, omettendo del tutto di indicare le ragioni della compensazione, ad avviso del Supremo Collegio è meritevole di accoglimento il ricorso del contribuente , con la conseguente cassazione della sentenza impugnata e rinvio alla CTR della Calabria in diversa composizione per nuovo esame. LINK – […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA