La decadenza quinquennale per l’accertamento ICI dall’anno successivo a quello della omessa dichiarazione


Sul termine di decadenza per l’accertamento d’ufficio dell’ICI da parte del Comune, la Corte di Cassazione, con  l’Ordinanza n. 28046/2018, pubblicata il 2 novembre, ha confermato l’orientamento giurisprudenziale secondo cui, con riguardo alla fattispecie di omessa dichiarazione il termine per la notifica dell’atto è quello del 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione doveva essere presentata, e, quindi, con riferimento all’anno di imposta 2006, poiché l’obbligo della dichiarazione scadeva il 31 luglio 2007, la notifica andava effettuata entro  il 31 dicembre 2012. La questione è insorta a seguito del ricorso per Cassazione del Comune di Bordighera avverso la sentenza della CTR della Liguria che aveva dichiarato la decadenza del potere impositivo dell’Ente che aveva notificato l’atto di accertamento in data 27 novembre 2012, data che invece è stata giudicata tempestiva dalla Suprema Corte in quanto conforme al dettato dell’art. 1,  comma 161, della Legge n.296/2006 e, per tale motivo, il ricorso del Comune è stato accolto e cassata la sentenza della CTR. In margine a tale sentenza, giova ricordare che il termine di decadenza  dei cinque anni recato dal citato articolo 1, c. 296 della Legge 296/2006 è fissato al 31 dicembre del quinto anno […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA