La scritta POSTAMAT nello sportello bancario non costituisce pubblicità ed è esente dall’imposta


La scritta POSTAMAT collocata sullo sportello di prelievo automatico di contanti presso l’ufficio postale non costituisce messaggio di rilevanza pubblicitaria ed è, quindi,  esente dal pagamento dell’imposta comunale sulla pubblicità di cui al decr. legisl. n. 507/1993. Questa la decisione della Corte di Cassazione – Sez. V Civile – nell’ordinanza n. 1169, pubblicata il 17 gennaio 2019, con la quale è stato rigettato il ricorso della società concessionaria per l’accertamento e la riscossione dell’ICP nel Comune di Zevio (VR) avverso la sentenza della CTR Veneto che aveva confermato la decisione della CTP di annullamento dell’AVVISO notificato alle POSTE ITALIANE per la scritta POSTAMAT. La concessionaria del Comune sosteneva che l’iscrizione non potesse beneficare dell’esenzione  di cui all’art. 7, commi  2 e 17, del decr. legisl. 507/1993 in quanto la scritta non si trovava né  sulla vetrina dell’Ufficio postale, né sulla porta di ingresso, bensì sul muro dove era collocato lo sportello di prelievo automatico. Il Supremo Collegio ha fatto richiamo alla disposizione fondamentale contenuta nell’art. 5 del decreto istitutivo del tributo, da cui si ricava che l’imposta colpisce la DIFFUSIONE COMUNICATIVA di messaggi pubblicitari in luogo pubblico, intendendosi per tali i messaggi aventi finalità promozionale e di miglioramento dell’immagine dell’operatore […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA