L’efficacia delle variazioni catastali annotate a seguito di procedure DOCFA


La Sezione VI CIV. della Cassazione, con l’Ordinanza n. 21760 del 9 settembre 2018, ha affermato il principio secondo cui, ai fini della determinazione del valore imponibile ICI, le variazioni attribuite con la procedura DOCFA del contribuente, si applicano a decorrere dall’anno successivo a quello dell’annotazione, in base alla norma dell’art. 5, c. 2, del decr.legisl. n. 504/1992. La decisione è stata adottata nell’ambito del ricorso prodotto dall’Amm.ne avverso la sentenza della CTR  LAZIO relativa ad un ACCERTAMENTO ICI di ROMA CAPITALE, con attribuzione della categoria D/8 anziché di quella D/7 proposta con la procedura DOCFA. Sul primo motivo di censura opposto dal  Comune riguardo alla sentenza CTR che non avrebbe considerato la inammissibilità dell’appello per difetto di specificità dei motivi, il Supremo Collegio ha ritenuto che la sentenza impugnata ha concretamente applicato il principio affermato dalla giurisprudenza di legittimità in base al quale, nel processo tributario, la riproposizione in appello delle stesse argomentazioni poste a sostegno della domanda disattesa dal giudice di primo grado, assolve l’onere di specificità dei motivi di impugnazione. Sul motivo della pretesa errata applicazione dell’art. 5, c. 2, del decr. legisl. n. 504/1992, ad avviso della Corte, la sentenza CTR si è correttamente attenuta alla […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA