Non costituzionale la norma che sposta alle ore 7 del giorno successivo la notifica via PEC ricevuta dopo le ore 21


Nel giudizio di legittimità dell’art. 16 septies del D.L. n. 179/2012, sollevato dalla Corte di Appello di Milano, relativo ad una notifica a mezzo PEC, con messaggio di accettazione dopo le ore 21, perfezionabile, quindi alle ore 7 del giorno successivo, la Corte Costituzionale è intervenuta con  la sentenza n. 75/2019. La Corte di Appello sosteneva la pretesa violazione dell’art. 3 della Costituzione, sia sotto il profilo del principio di eguaglianza, per la equiparazione del DOMICILIO FISICO con il DOMICILIO DIGITALE e, quindi, dell’eguale trattamento delle notifiche “cartacee” con quelle “telematiche”, nonché violazione degli articoli 24 e 111 della Costituzione in quanto, con la notifica a mezzo pec l’ultimo giorno utile per proporre appello comporterebbe una limitazione al diritto di difesa del notificante, non potendo questi utilizzare a pieno il termine giornaliero che dovrebbe essergli riconosciuta per intero. La Consulta ha ritenuto fondata sul merito  la questione per le considerazioni che seguono. Il divieto di notifica per via telematica dopo le ore 21 risulta introdotto allo scopo di tutelare il destinatario, per salvaguardarne il diritto al riposo in una fascia oraria (dalle 21 alle 24) in cui egli sarebbe stato costretto, altrimenti, a continuare a controllare la propria casella di […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA