Per la Corte di Giustizia Europea la Chiesa deve pagare l’ici fino al 2011 e lo Stato deve procedere al recupero delle somme


Particolare attenzione ha suscitato la sentenza della Corte di  Giustizia Europea del 6 novembre 2018, concernente l’obbligo per lo Stato Italiano di far pagare l’ici alla Chiesa fino al 2011 per le attività commerciali svolte negli immobili di proprietà,  e di curiosità per le conseguenze che potranno derivarne alla ricerca delle procedure da porre in essere, ove esistano, per il recupero delle somme,  compatibilmente con la normativa vigente nel settore della fiscalità  locale, trattandosi di tributo di pertinenza dei comuni. Da considerare che una valutazione del MEF indica in circa cinque  miliardi di euro l’ammontare dell’imposta  non pagata. La sentenza è stata emessa in esito  al ricorso proposto nel novembre 2016 da un Istituto scolastico e dal gestore di una struttura ricettiva del tipo “bed e breakfast”  avverso la pronuncia del Tribunale dell’Unione che, confermando la decisione della Commissione Europea del 2012, aveva ritenuto legittima l’applicazione da parte dello Stato Italiano del principio della “impossibilità di calcolare l’ammontare del tributo e di procedere al recupero”, anche se veniva riconosciuta l’illegalità dell’aiuto di Stato nei confronti della Chiesa e degli atri soggetti beneficiari di tale situazione. Giova ricordare che la vicenda aveva formato oggetto anche di esame da parte della Cassazione […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

SEMINARIO

"Tra Corse e Ricorsi
fai Strada alla Legalità"

28 marzo 2018


Per informazioni »

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA