Scatta il rimborso ai contribuenti degli importi IMU-TARES erroneamente versati in eccesso


Il MEF, con un comunicato del 30 marzo 2017, ha informato che sono in corso di accreditamento i rimborsi della quota statale a favore dei contribuenti che dal 2012 avevano effettuato versamenti in eccesso dell’IMU e della maggiorazione TARES. Si tratta dell’applicazione del D.M. 16 ottobre 2016 con il quale il MEF ha disciplinato le procedure di liquidazione dei rimborsi ancora inevasi. Le modalità riguardano i contribuenti che hanno indicato gli estremi bancari o postali per ottenere l’accredito, il cui rimborso è assicurato tramite l’emissione da parte del MEF di ordinativo di pagamento collettivo trasmesso alla Banca d’Italia con l’elenco contenente gli estremi degli aventi diritto. Per i contribuenti che non hanno fornito le suddette indicazioni, il rimborso avverrà con ordinativi individuali, ai sensi del D.L. n.38/2011, con pagamento per cassa degli importi non superiori ai mille euro ed emissione di vaglia bancari per importi superiori. Per i Comuni era previsto l’obbligo del rispetto del termine del 30 gennaio 2017 per l’inserimento dei dati finalizzati al rimborso,  termine che AD AVVISO DELL’IFEL, con la Nota del 4 aprile 2017, non è da considerare perentorio, in considerazione del mancato adeguamento da parte del MEF dell’applicativo informatico  volto a consentire ai Comuni […]

Attenzione!
Per visualizzare il contenuto dell'articolo è necessario essere autenticati!

Per accedere fai click qui
Se non sei abbonato clicca qui per richiedere l'attivazione di un utenza

NOVITÀ

CONVEGNO

I tributi
locali nel 2017

24 marzo 2017


Consulta la
Cartella Stampa
e gli Atti »

CONVEGNO

IL BES NEL DEF

20 giugno 2017


Per informazioni »

CODICE TRIBUTARIO

GIUSTIZIA TRIBUTARIA

ATTI DEL CONVEGNO

"VERIFICHE FISCALI :
manuale di sopravvivenza"




Consulta il materiale

CODICE ISBN:
9788860271068

ACQUISTA